11.8 C
Los Angeles
martedì, Marzo 5, 2024

Unioncamere: solo il 10% delle imprese italiane utilizza l’intelligenza artificiale

Difficoltà a reperire figure con competenze tecnologiche Le...

Borsa, Alemanno (Consob): snellire oneri per le società quotate

Per attrarre nuovi investitori e accesso capitali...

“Gravidanze Miracolose” in scena al Teatro Il Piccolo di Napoli

“La Compagnia Teatrale ‘I Ragazzi del Villaggio’:...

Consigliere Zelensky: cosa ci aspettiamo dal G7 a guida Meloni

EsteroConsigliere Zelensky: cosa ci aspettiamo dal G7 a guida Meloni

Rodnyansky: approccio solido, utili sanzioni contro chi le elude

Milano, 23 gen. (askanews) – La leadership di Giorgia Meloni durante la presidenza italiana del G7 “promette di rappresentare una risorsa significativa per l’Ucraina nel contesto della guerra in corso”. Lo dice il consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky, Alexander Rodnyansky, in un’intervista ad askanews, precisando tuttavia che servono “sanzioni vitali” e una maggiore pressione contro chi vivendo “generosamente in Occidente, a Dubai, in Kazakistan e in Uzbekistan” aiuta ad “eludere il regime sanzionatorio esistente”.Rodnyansky, docente a Cambridge e presenza di alto profilo nella delegazione ucraina a Davos, specifica che la presidente del Consiglio è “nota per il suo approccio solido e di principio negli affari internazionali” e “porta un impegno costante nei confronti dei valori democratici e dei diritti umani”. Ma le sfide sul tavolo sono molteplici.”Da quello che so, il G7 è il gruppo dei nostri principali donatori e partner internazionali, le più grandi economie di mercato e potenze industriali a livello mondiale. Hanno supportato l’Ucraina, e immagino che gli attriti esistenti riguardino tutti gli stessi temi: sostegno all’Ucraina, a livello monetario, in altre parole, sostegno finanziario che ci aiuterà a equilibrare il nostro bilancio e a garantire che possiamo pagare pensioni, stipendi, ma anche finanziare lo sforzo bellico”.Resta aperta in particolare la questione di come le sanzioni, decise per sostenere le ragioni di Kiev, vengano continuamente aggirate. Anche grazie all’appoggio di altre economie:”La Russia sta ancora eludendo il regime delle sanzioni, in generale, con l’aiuto di paesi come la Cina, e anche di altri paesi, ovviamente, non solo della Cina. Ma si sa, la Cina è un elemento importante in quel sistema che aggira le sanzioni occidentali e cerca di evitarle. Ecco cosa sta facendo la Russia. E la Cina ovviamente la sta aiutando”.Tra gli strumenti annoverati da Rodnyansky ci sono le sanzioni secondarie, “fattore che potrebbe cambiare le cose”.Intervista di Cristina GiulianoMontaggio di Linda VerzaniImmagini: askanews, Afp

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles