15 C
Los Angeles
lunedì, Marzo 4, 2024

Unioncamere: solo il 10% delle imprese italiane utilizza l’intelligenza artificiale

Difficoltà a reperire figure con competenze tecnologiche Le...

Borsa, Alemanno (Consob): snellire oneri per le società quotate

Per attrarre nuovi investitori e accesso capitali...

“Gravidanze Miracolose” in scena al Teatro Il Piccolo di Napoli

“La Compagnia Teatrale ‘I Ragazzi del Villaggio’:...

L’Ue indaga X di Elon Musk per presunti post illegali e disinformazione

EconomiaL'Ue indaga X di Elon Musk per presunti post illegali e disinformazione

Il magnate sudafricano rischia una multa fino al 6% delle entrate annuali

Bruxelles, 18 dic. (askanews) – La piattaforma di social media X di Elon Musk (ex Twitter) è stata messa sotto indagine dalla Commissione europea per la presunta gestione di contenuti illegali e disinformazione che violertebbero la nuova legge europea sui servizi digitali, e dovrà affrontare un procedimento formale.L’esecutivo Ue, per bocca del portavoce Johannes Bahrke, ha dichiarato di aver aperto una procedura d’infrazione contro X per non aver adottato misure per affrontare i contenuti illegali e offrire agli utenti un modo per reclamare sulle decisioni di moderazione delle piattaforme.La decisione arriva mentre vengono indagati i contenuti grafici e talvolta manipolati relativi al conflitto in Israele e Gaza. X potrebbe essere multata fino al 6% delle sue entrate annuali globali se si scoprisse che ha violato le norme dell’Ue sui contenuti online. I servizi della Commissione Ue esamineranno l’efficacia della cosiddetta funzione “Community Notes” di X che consente ai volontari di aggiungere contesto ai post e che Musk ha elogiato come un modo per rendere X una fonte di informazioni più affidabile.Dal canto suo, il magnate sudafricano, ospite di Atreju, il convegno organizzato da Giorgia Meloni a Roma, non si è mostrato preoccupato per la crisi della sua piattaforma social e la fuga degli inserzionisti.”Prima di tutto, penso che X se la caverà – ha detto – vediamo già inserzionisti che stanno tornando. Forse è colpa di qualcosa che ho detto. Gli inserzionisti sono sempre preoccupati per il loro marchio, forse anche più di quanto dovrebbero. Ma penso che sia un problema passeggero, gli inserzionisti a volte possono essere arrabbiati, ma poi si calmano e tornano a fare pubblicità”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles