15 C
Los Angeles
lunedì, Marzo 4, 2024

Unioncamere: solo il 10% delle imprese italiane utilizza l’intelligenza artificiale

Difficoltà a reperire figure con competenze tecnologiche Le...

Borsa, Alemanno (Consob): snellire oneri per le società quotate

Per attrarre nuovi investitori e accesso capitali...

“Gravidanze Miracolose” in scena al Teatro Il Piccolo di Napoli

“La Compagnia Teatrale ‘I Ragazzi del Villaggio’:...

Zack Snyder torna con “Rebel Moon” e l’eroina è una donna

SpettacoloZack Snyder torna con "Rebel Moon" e l'eroina è una donna

Dal 22 dicembre su Netflix, protagonista Sofia Boutella

Roma, 18 dic. (askanews) – Arriva il 22 dicembre su Netflix “Rebel Moon – Parte 1: Figlia del Fuoco”, che segna il ritorno di un regista molto amato, Zack Snyder, già autore di “300” e “L’uomo d’acciaio”. Nella nuova saga fantascientifica la protagonista è una donna, Kora, interpretata da Sofia Boutella, attrice e ballerina francese di origini algerine. Dopo essersi schiantata su una luna ai confini dell’universo Kora inizia una nuova vita in un insediamento pacifico di agricoltori. Qui diventa l’unica speranza di sopravvivenza e riceve l’incarico di scovare abili combattenti che con lei provino a sconfiggere un potente nemico.Una delle caratteristiche dei film di Zack Snyder è che non c’è differenza tra uomini o donne, hanno le stesse capacità e risorse, come spiegano la protagonista e lo stesso regista: “I film sono sempre portatori di cambiamenti, ne abbiamo bisogno anche nella realtà. Questo film spinge ancora avanti il confine”. “Mi piace il concetto di maschile e femminile dal punto di vista degli archetipi, ma ovviamente per me non c’è differenza tra quello che può fare un personaggio maschile e uno femminile. Sofia è forte ma ha anche una sorta di purezza femminile che non la fa diventare un personaggio cliché”.Tra gli interpreti maschili ci sono Staz Nair, e Djimon Hounsou, e Charlie Hunnam, che dice: “Nel cinema c’è un cambiamento in corso, che forse riflette quello che sta succedendo nelle nostre società. Da 5 o 6 anni c’è un maggiore equilibrio nella distribuzione dei ruoli, tra uomini e donne. Prima il protagonista era sempre un uomo, le donne avevano un ruolo di supporto, ora mi capita sempre più spesso di leggere copioni dove l’uomo ha un ruolo secondario. Penso che finalmente le cose stiano cambiando”.

Check out our other content

Check out other tags:

Most Popular Articles